dalla Protezione Civile per i terremotati

vi informo di quanto ho ricevuto dalla protezione civile circa i versamenti fatti da tutti NOI per i TERREMOTATI.

Risposta: La informiamo che le donazioni raccolte attraverso il numero solidale 45500 serviranno a supportare la fase di ricostruzione dei territori colpiti, secondo le modalità indicate nel Protocollo che ne disciplina il funzionamento e disponibile a questo indirizzo:
www.protezionecivile.gov.it/resources/cms/documents/Protocollo_Intesa_raccolta_fondi.pdf.
Come disposto inoltre dal decreto legge n. 189/2016, convertito in legge n.229/2016, a chiusura della campagna di raccolta fondi attraverso il numero solidale 45500 è stato istituito il Comitato dei Garanti (http://www.protezionecivile..gov.it/jcms/it/view_com.wp?contentId=COM63680), composto da persone di riconosciuta e indiscussa moralità e indipendenza, nominati con un decreto del Capo Dipartimento d’intesa con i Presidenti delle Regioni coinvolte, con il compito di valutare le proposte delle Regioni per l’utilizzo dei fondi e di garantire la trasparenza nella gestione delle risorse stesse autorizzando il trasferimento delle risorse alle Regioni sulla base della realizzazione dei progetti. Saranno quindi i territori a indicare i progetti a cui destinare tali risorse, in raccordo con le Regioni interessate e il Commissario Straordinario per la Ricostruzione e sulla base delle esigenze valutate nell’ambito del più complessivo piano della ricostruzione.
Le comunichiamo, inoltre, che I fondi raccolti attraverso il numero solidale e i versamenti sul conto corrente confluiranno nella contabilità speciale del Commissario straordinario per la ricostruzione e saranno gestiti secondo le modalità previste dal Protocollo d’intesa per l’attivazione e la diffusione di numeri solidali. Per quanto concerne il dettaglio delle donazioni sino ad oggi raccolte, La informiamo che al 9 giugno 2017, tramite bonifici su conto corrente intestato al Dipartimento, sono stati raccolti 10.410.914,76 euro.
La raccolta fondi tramite sms solidale è stata invece attivata in tre distinti momenti; la prima raccolta, promossa in seguito al terremoto del 24 agosto e chiusa il 9 ottobre 2016, ha permesso di raccogliere oltre 15 milioni di euro. Con la seconda attivazione del numero solidale a seguito alle scosse del 26 e del 30 ottobre 2016 sono stati raccolti 4.415.294,00 euro fino al termine previsto del 30 novembre 2016.
Al 14 febbraio, data di chiusura della terza raccolta fondi tramite il numero solidale 45500 riattivato il 31 dicembre, sono stati raccolti 3.473.710,00 euro.
I dati relativi alle donazioni sono disponibili sul sito internet di questo Dipartimento alla pagina:
http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/donazioni_1.wp
Per tutte le attività connesse alla successiva fase di ricostruzione, può visitare il sito del Commissario Straordinario per la Ricostruzione: https://sisma2016.gov.it/
come noterete la somma complessiva generosamente  versata ammonta a euro 18.299.918,76

spero che i Garanti operino generosamente senza costi dato che un evento così grave non dovrebbe essere occasione di guadagni per nessuno anche se ritengo che avendo due Responsabili ERRANI  e CURCIO  non ci dovrebbe essere un comitato di GARANTI – come sempre si vogliono complicare le cose – se qualcosa va storto i due Responsabili ne dovrebbero rispondere in prima persona senza tentativi di scarico responsabilità – dicendoci ma anche i Garanti non hanno visto, fatto etc. 

Mi riservo di verificare sui sito indicato il tutto e poi di darvene notizia

Quando il Paese cambierà ? Quando tutti NOI uniti cacceremo una CASTA DI IRRESPONSABILI mantenuti a spese della Collettività che pensa alla propria poltrona e non al  BENE COMUNE – UNITI POSSIAMO FARCELA

 

Sempre i “migliori”

Questa CASTA è composta da improvvisatori che fanno di tutto salvo che preoccuparsi dei VERI bisogni della GENTE. Oggi in funzioni delle prossime elezioni politiche il  PD ha cominciato la campagna elettorale proponendo l’abbassamento delle ( tasse) imposte, il numero chiuso per gli immigrati, lo ius soli .      E’ veramente incredibile che il ” Rottamatore ” ci consideri degli incapaci come lui e pensi che non capiamo che voglia parlare alle pance e tentare una nuova manovra del tipo 80 euro. Certo che tutti vorremmo la riduzione delle imposte e lo scrivo dal 2011, ma il modo per farlo non è trattare con l’ Europa per il non rispetto dei vincoli accettati e quindi provocando l’aumento del debito pubblico, ma con una gestione seria ed a costi corretti di tutti i sevizi delle Pubbliche Amministrazioni. Solo in questo modo si potranno diminuire le imposte.

viva la CASTA

I nostri saggi governanti hanno modificato il sistema voucher in funzione dei voti per le elezioni, accontentando così organizzazioni adatte a tale scopo, in modo che per accedervi si è costretti ad una trafila di adempimenti e sono state escluse le aziende con più di 5 dipendenti e non solo, ma per le aziende vi è anche l’obbligo, mi pare, di retribuire l’assunto per almeno 4 ore. Sempre per facilitare la vita a chi lavora e per far in modo che Boeri possa dire che senza migranti non potremo colmare il deficit contributivo. Non sapevo che si pagano anche contributi per i migranti che vivono negli alberghi, nei centri di accoglienza. Forse i contributi sono calcolati sui soldi che spendiamo per il loro vitto, telefonino, argent de poche, e pe le cooperative di tutti i colori che arricchiscono. Poi i migranti : da anni dico , come già nel 1989 a livello locale quando avevo impostato criteri per l’accoglienza, che il problema è così grosso che tutte le Nazioni del mondo dovrebbero occuparsene e credo che l’ONU dovrebbe essere l’organismo a ciò preposto. Le difficoltà di vita nei loro Paesi di origine e il desiderio di migliorare le proprie condizioni mi sembrano legittime così come mi sembra altrettanto legittimo che l’ONU possa o meglio  DEBBA occuparsene. Noi invece in questo organismo abbiamo fatto storie per condividere con l’Olanda un seggio nel Consiglio senza mai pensare di proporre la fine dei privilegi delle Nazioni con diritto di veto. Da sempre chiedo che ci sia il blocco dell’immigrazione irregolare e che è semplicemente DELINQUENZIALE continuare a far finta di niente ed a non rendersi conto che il Paese è stanco di questi comportamenti irresponsabili. E’ una vergogna avere Amministratori di questo tipo che stanno cercando di rimediare con viaggi in Libia ai gravi danni provocati, spendendo soldi presi a prestito. Se l’ONU non se ne occupa mi sembra il caso di lasciare questa organizzazione, rientrare dalle missioni e così risparmiare miliardi da destinare a riduzione del debito pubblico.  Forza uniamoci per CACCIARE questa CASTA e riportare il buon senso nel PAESE.

 

Il premier ungherese Viktor Orban non ha dubbi: «Una nazione che non è capace di difendere i suoi interessi non è una nazione, nemmeno esiste, e scomparirà», ha affermato in un’intervista. «Dai nostri vicini, dai Paesi che condividono il progetto europeo abbiamo diritto di pretendere solidarietà», è la risposta di Gentiloni, «non accettiamo lezioni né parole minacciose. Serenamente ci limitiamo a dire che noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l’Europa faccia il proprio senza darci improbabili lezioni».

Dalla risposta del nostro Premier possiamo capire, se ancora ce ne fosse bisogno, di come è la CASTA che ci governa. Il Gentiloni di turno non ha ancora capito ieri e oggi che concordare con l’Europa di accogliere migranti di ogni tipo in cambio di soldi o di flessibilità non è governare, queste decisioni sono solo un danno per il Paese e per tutti i suoi Cittadini. E’ incredibile che si pensi sempre a Cittadini di altri Paesi e ci si dimentichi dei 5 milioni di nostri Connazionali alla fame e di tutti gli altri problemi che non elenco ma che conosciamo, non ultimo la necessità di investimenti pubblici per aggiornare il Paese e creare VERE condizioni di sviluppo e quindi occasioni di lavoro.

Certo fare queste cose presuppone Governanti capaci ed intelligenti, mentre NOI abbiamo eletto dei professionisti della politica che hanno un solo obiettivo :  CONSERVARE LA POLTRONA .

Ecco perché da sempre ripeto che dobbiamo unirci, senza sofismi, per CAMBIARE LA CASTA ed eleggere in Parlamento persone normali capaci ed oneste che rappresentino la quasi totalità del Paese che vuole serietà, onestà, chiarezza della gestione ed un Paese moderno gestito con costi normali e non con le solite ” furbizie ” che ci contraddistinguono.

per le elezioni…..

Questa CASTA è composta da improvvisatori che fa solo cose inutili salvo che affrontare i  problemi veri della gente che paga loro super stipendi. Oggi in funzione delle prossime elezioni politiche il PD ha iniziato la campagna elettorale con la decisione di abbattere le imposte (per loro tasse) , il numero chiuso per gli immigrati, per non farsi mancare niente lo ius soli . Il giudizio dell’ex ROTTAMATORE su di noi è negativo tan’è che pensa che ancora una volta ci potrà imbrogliare dato che facilmente da Signor NESSUNO è diventato un leader .fino a quando continueremo a sopportare questa CASTA che l’unica cosa che sa fare è aumentare il debito pubblico e quindi spendere 70/80 miliardi annui di interessi a nostro danno ?????

 

promesse, promesse per voti

come sempre il ” rottamatore ” vuole stupirci e tentare di raccogliere voti promettendo o richiedendo favori all’Europa cosa peraltro già fatta e senza risultati, ma persiste. Ora la richiesta verrà fatta nuovamente all’Europa per un patto che consenta debito pubblico maggiore. Forse non ha ancora capito che con i debiti non si abbassano le imposte e che le imposte vanno ABBASSATE eliminando spese inutili dagli stipendi dei Parlamentari, agli uffici gratuiti loro concessi con tutti gli oneri relativi di personale e altro, alle scorte, alle auto blu, ai vitalizi, alle pensioni senza contributi o con contributi parziali, alla riforma delle piante organiche delle pubbliche amministrazioni, alla privatizzazione dei servizi e l’elenco potrebbe continuare. Questo sarebbe gestire correttamente e sarà ciò che faremo se avremo la possibilità di presentarci uniti con tutti i movimenti che vogliono un NUOVO PAESE dove etica e morale siano il quotidiano, dove lo STATO modernizzato non pesa, dove i servizi tutti sono efficienti – forza uniamoci perché con questa CASTA si peggiorerà sempre e non lasceremo nessuna speranza ai nostri discendenti. -per un Paese NUOVO uniamoci 

come sempre …..

sembra davvero incredibile che un ergastolano possa ottenere dei permessi di uscita dal carcere e ci si meraviglia se un ” condannato all’ergastolo ” decida di fuggire e non rientrare in carcere. non ci si domanda se i familiari delle persone uccise sono felici di questi trattamenti così particolari. Certo il carcere non deve essere ” crudeltà ” ma la pena deve essere scontata interamente altrimenti è sbagliata la decisione. Tra le tante cose da modificare c’è anche questo settore. Purtroppo abbiamo eletto degli incapaci che agiscono sotto spinte diverse pur di mantenere la poltrona – BASTA CON QUESTA CASTA – uniamoci per cacciarla e rifondare il nostro PAESE modernizzandolo-

Basta immigrati irregolari

VISTO CHE I NOSTRI DIRIGENTI NON HANNO ANCORA CAPITO CHE I LORO AMMINISTRATI SONO STANCHI DI PAGARE CONTI PER IMMIGRATI IRREGOLARI – CHIEDO A TUTTI DI METTERE UN MI PIACE A B A S T A IMMIGRATI E RIENTRO DI TUTTI GLI IRREGOLARI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE – FORZA FACCIAMOCI SENTIRE E BASTA LAMENTELE – OGGI OCCORRE SOLO A Z I O N E –

E’ DA NON CREDERE

Il Ministro dell’Interno in una recente dichiarazioni ci ha informato che  il 97% degli immigrati arriva dalla Libia ed ha aggiunto che il nostro PAESE ha fornito  a loro “una accoglienza eccezionale”. Ha poi detto che il 27 e 28 giugno si è toccato il culmine con l’arrivo di 22 navi, poi diventate successivamente 25 con 10 mila persone sbarcate. Poi ci ha anche detto che ” non si gioca solo una partita di consenso di breve periodo , ma la tenuta del tessuto connettivo del nostro Paese, un pezzo di futuro della nostra democrazia”. Ciò detto caro Ministro a quando il blocco dei porti, il blocco delle navi taxi, la barriera al limite delle acque territoriali, il rimpatrio in Libia di tutti coloro che sono sul nostro territorio con serietà di azione e poche chiacchiere.  Caro Ministro a quando tante attenzioni ai POVERI nostri CONNAZIONALI, alla ricostruzione delle zone terremotate o comunque da ricostruire nel nostro PAESE, a  quando gli investimenti seri per la ripresa economica, a quando il pagamento di quanto dovuto dalle Pubbliche Amministrazioni alle aziende fornitrici per oltre 60 miliardi e l’elenco potrebbe continuare. ECCO PERCHE’ DEVE ESSERE CAMBIATA QUESTA CASTA CHIACCHIERONA CON PERSONE SERIE E CAPACI . FORZA UNIAMOCI PER FARLO

DA NON CREDERE….

Oggi Radio 24 ha trasmesso una intervista con un responsabile di un gruppo presente sui social, che ha lanciato una inchiesta tra i suoi aderenti per conoscere se e come avrebbero gli stessi  agito se si verificasse nel nostro Paese un    “ golpe “ militare.        Il 71 per cento ha risposto che avrebbe aderito e non si sarebbe quindi opposto  dato che giudica insostenibile la situazione del nostro Paese, un venti per cento sarebbe rimasto chiuso a casa e solo una minoranza dell’otto per cento si sarebbe opposta.  Il giornalista conduttore ha voluto ripetere le domande poste nell’ inchiesta di cui sopra ed ha ricevuto praticamente le stesse risposte dalle persone che gli hanno telefonato per altro. QUESTA E’ LA SITUAZIONE creata da questa CLASSE DIRIGENTE.  La GENTE non crede più alla democrazia e giudica impossibile un ritorno ad un funzionamento  regolare delle Istituzioni  e vorrebbe un ritorno all’ ordine ed alla disciplina. E’ TRISTE e  PREOCCUPANTE SENTIRE QUESTE COSE ed  è ancora più triste  e preoccupante sapere che Cittadini che vivono in un Paese democratico e che hanno la possibilità di cambiare le cose non lo facciamo pur rendendosi conto del disastro esistente in ogni settore della nostra Nazione e Costoro non si rendono conto che hanno, con la loro indifferenza, concorso a creare questa situazione. Sempre delega e solo delega. La struttura della nostra democrazia può essere migliorata vivendola attivamente e partecipando come Cittadini al cambiamento sociale. Un semplice esempio:  da solo sto richiedendo, su facebook,  dallo scorso autunno che Errani e Curcio ci diano i dati dei versamenti fatti da tutti noi pro terremotati ed ovviamente non ho avuto risposte.  Questi personaggi se ne fregano perché nessuno li sposta. Ecco perché siamo in questa situazione. Ancora una volta mi rivolgo a tutti ed in particolare a coloro che hanno dato le risposte citate,  per ricordare che democratica-mente le cose si possono fare e bene basta eleggere GENTE NORMALE e non professionisti della politica e dare loro un mandato serio ed i numeri per realizzarlo.  Certo occorre avere questo coraggio,  ma è possibile C A M B I A R E,  trasformare  e rifondare il nostro PAESE .