AMICI ELETTORI

Cari amici

 Come avevo già scritto stiamo assistendo alla solita farsa. La  protesta ha vinto ma rimane solo protesta. Ecco perché chiedo a tutti di essere presenti con i nostri commenti e le nostre proposte.

Non dobbiamo cadere nella trappola di sparlare degli altri, ma far conoscere che se avremo i voti della protesta sia quelli che si sono espressi sia quelli che si sono astenuti, ci impegneremo a governare il Paese per risolvere i suoi problemi abbandonando i vecchi partiti che nulla di nuovo sanno offrire

Certo non abbiamo la bacchetta magica, certo non sappiamo fare miracoli ma siamo convinti che con una gestione seria che elimini immediatamente gli sprechi,  un passo in avanti si può fare.

Fatto il primo passo tutti gli altri verranno come logica conseguenza e finalmente potremo dare al Paese la SPERANZA di un futuro migliore per tutti .

Dobbiamo essere presenti e come ho già scritto dobbiamo farci conoscere in modo che gli elettori non abbiano dubbi su cosa vogliamo fare

Probabilmente tornando a votare molti elettori ripenseranno al voto dato e probabilmente un gran parte deciderà di cambiare, prendendo atto di quello che sta accadendo. Certo si correrà il rischio che una parte si asterrà ed è per questo che dobbiamo farci conoscere per il programma che vogliamo realizzare, per dare certezza di un governo serio, per dare come detto

                                                SPERANZA AL PAESE

 A tutte le sue componenti e dobbiamo altresì dire chiaro e tondo che l’unico nostro interesse è                                   FERMARE IL DECLINO

 e riprendere a camminare per dare un futuro al  Paese ed alla sua Gente.

 I problemi da affrontare sono molti, ma uniti e convinti di lavorare per il bene comune, pronti ad assumere tutte le responsabilità della gestione, pronti a riportare etica e morale nella politica e nell’economia, pronti a capire ed a far capire che saranno necessari sacrifici, ma che alla fine tutti avranno un miglioramento delle loro condizioni di vita ed avranno la certezza di avere pari opportunità, di avere un futuro migliore

 UNIAMOCI –    WE WANT  –  cambiare le caste  ed il modo di essere senza paure

 il bene di tutti deve essere il nostro obiettivo

 con FARE PER FERMARE IL DECLINO potremmo farcela

 movimento di partecipazione popolare  – forti e liberi

 info@mdpp.it

 

 

nuove preoccupazioni

Cari amici

 L’evento elettorale è finito e indipendentemente dal risultato di oggi occorre prepararci alla nuova campagna elettorale dato che comunque vada, prima o poi si dovrà tornare a votare.

Personalmente ritengo che la situazione odierna non dia garanzie per un governo di lunga durata dato che ritengo che le forze presenti in parlamento siano molto diverse e non credo che si possa cambiare il Paese votando questa o quella legge che regola qualcosa che è nel programma di tizio o di caio. Probabilmente avremo un nuovo governo tipo Monti con il sostegno dei due gruppi maggioritari  soprattutto al fine di fare le nomine a favore degli amici e la protesta che ha avuto un largo successo si accorgerà che solo con la protesta non si governa il Paese .  Mi sembra inevitabile

Il Paese ha bisogno di un cambio non soltanto generazionale, ma necessita di un cambio di mentalità profonda. Occorre in primo luogo ritornare ai valori di sempre : morale, onestà, dedizione al servizio comune e quindi occorre della gente che non abbia come obiettivo la professione del politico per i molteplici benefici che ne ricava. Occorre gente che sappia cosa vuol dire arrivare a fatica alla fine del mese, che sappia quali e quanti sacrifici si debbano fare per sopravvivere.

Gente che sappia e voglia gestire la cosa pubblica nell’interesse di tutta la collettività nazionale vecchia e nuova, che abbia presente i problemi della gente che lavora compresi gli imprenditori, che sappia che ogni soldo gettato è un danno fatto a qualcuno che ne soffrirà.

 Ecco la opportunità di far capire cosa vogliamo e possiamo fare con onestà intellettuale comunicando che i tempi non saranno brevi ma che immediatamente si darà respiro al mondo del lavoro, ai pensionati, agli imprenditori, alle famiglie  con il reperimento di risorse già disponibili ma che vengono sciupate con stipendi da nababbi, con benefici di ogni natura, con sprechi in tutti i settori.. Un  governo così recupera miliardi  anche da minor  interessi passivi da pagare.Questo è quello che si deve fare per superare il nostro momento difficile ed essere presenti su tutto ciò  che serve per farsi conoscere.

Possiamo fare di più e meglio – bisogna crederci

 FORZA  WE WANT cambiare la casta e tutte le caste

ripropongo il programma aggiornato

PROGRAMMA POLITICO ECONOMICO

Pubblicato il 27 ottobre 2011 da admin

Rivisto il giorno 11 marzo 2013

Modifica della seconda parte della Costituzione.

Mantenimento della  Presidenza della Repubblica fino alla realizzazione degli Stati Uniti d’Europa

Maggiori poteri al Primo  Ministro poi Governatore

Camera dei deputati in misura non superiore a 200 componenti con compensi limitati e permanenza in Parlamento per sole due legislature

Camera o assemblea delle Regioni per il coordinamento delle attività nazionali e locali e per l’equa attenzione alle regioni con maggiori difficoltà,  con un numero di componenti limitato con costi di solo funzionamento a carico delle Regioni

Eliminazione di tutto ciò che non è previsto con la riforma

Senatori a vita solo titolo onorifico o eliminazione

Abolizione delle scorte personali, delle auto di servizio che saranno limitate ai massimi esponenti della Nazione per la durata del loro incarico, degli uffici a favore di ex Presidenti e/o altro

Eliminazione del finanziamento pubblico dei partiti

Nuova legge elettorale

Organizzazione degli Enti Locali su base territoriale omogenea con un minimo di popolazione facenti capo alla Regione di appartenenza .

Creazione di tre / quattro macroregioni

Riorganizzazione e modernizzazione della struttura dello Stato

Eliminazione del CNEL e organismi simili, delle strutture statali decentrate sostituite se del caso da uffici regionali e/o con utilizzo delle strutture private presenti nei vari settori

Privatizzazione massima di tutto – minimali procedure amministrative

agli enti PUBBLICI solo indirizzo e controllo da effettuare anche attraverso società pubbliche in collaborazione con ordini professionali, imprenditori per una efficiente gestione.

Società pubbliche economiche che devono essere accorpate per settori con riduzione del loro numero, riduzione del numero degli amministratori e recupero compensi vari  – loro privatizzazione e/o compartecipazione di privati- con nomina del direttore generale o facente funzioni a legale rappresentante fino alla realizzazione della fusione ad opera di un commissario nazionale per settore

Determinazione delle opere a livello nazionale necessarie per modernizzare e aiutare l’economia del Paese a rimettersi in movimento riconquistando posizioni già avute

Individuazione delle opere necessarie per la sistemazione idrogeologica del territorio in collaborazione con gli ordini professionali competenti – fissazione del principio di salvaguardia del territorio e non più utilizzazione indiscriminata del territorio per costruzioni –recupero di aree superate o abbandonate –  attenzione e sostegno alle nuove tecniche di costruzione ecocompatibili

Agricoltura : sostegno alla agricoltura – aiuti alle nuove imprese – trattamento tributario agevolato-Verifica dei conti economici – filiera controllata per il contenimento dei costi –e quindi dei prezzi al consumo

Individuazione e programmazione delle opere necessarie per la modernizzazione dei trasporti ferroviari – aerei – marittimi – in collaborazione con i privati nazionali e, se del caso, esteri prevedendo per investimenti importanti e duraturi agevolazioni fiscali

Modernizzazione della rete viabilistica nazionale e regionale ed interconnessioni con ferrovie – metro – reti locali di trasporto.

Programma per la diffusione e l’utilizzo della banda larga

Individuazione e determinazione del piano casa – compito da promuovere a livello nazionale ma compito specifico delle regioni e degli enti locali – anche per la verifica delle effettive necessità locali –

Ristrutturazione e determinazione delle effettive esigenze per gli apparati militari in funzione degli  Stati Uniti d’ Europa –e Nato –  con recupero e vendita di quanto non più necessario – controllo situazione dipendenti e pensionati

Determinazione compiti ed obiettivi – ristrutturazione e determinazione delle effettive esigenze per gli apparati di sicurezza e di polizia -accorpamenti e efficienza degli apparati. Dotazioni relative

Ristrutturazione e determinazione delle effettive esigenze della struttura giudiziaria – Carceri – azioni di recupero civile e reinserimento

Obbligo di pareggio dei bilanci pubblici – modifica del patto di stabilità e pagamento dei fornitori di tutti gli Enti pubblici

Eliminazione delle ambasciate e dei consolati nazionali nel mondo e recupero di costi e proprietà – superando il concetto delle ambasciate nell’era della velocità e dell’informatica. Rappresentanza nel mondo degli Stati Uniti d’ Europa

Ammodernamento del sistema fiscale che abbia come obiettivi:

imposizione nazionale e locale –

persone fisiche.

due aliquote – fascia non imponibile per redditi da lavoro o pensioni inferiori a 15000,00 euro-  eliminazione delle agevolazioni indiscriminate e lasciare solo quelle determinate esclusivamente per la lotta all’evasione -con apposite detrazioni

progressività dell’imposta –  aliquota più alta  a partire da redditi netti superiori a 50.000,00 euro e per l’altro scaglione  da oltre 100.000,00  euro

in misura da determinare in funzione anche della rata per l’eliminazione del debito pubblico di 2000 miliardi di euro in 40 anni  –e  tenendo conto dell’imposizione diretta degli enti locali

società:

aliquota unica sul reddito netto del 25 %

Lotta vera alla evasione fiscale su tutto il territorio nazionale in collaborazione con gli Enti locali anche al fine di determinare le loro entrate

Imposte locali da far determinare alle Regioni ed ai Comuni utilizzando il sistema nazionale di accertamento e riscossione –con loro imposizione diretta e loro determinazione delle aliquote di imposizione

Periodo di accertamento triennale e controllo obbligatorio per tutti i contribuenti in collaborazione con gli uffici fiscali degli Enti Locali

Rilancio economico

Sostegno alle imprese e più in generale al mondo del lavoro- industria  – artigiani- commercianti – ordini professionali – associazioni economiche con eliminazione dell’IRAP  

Revisione e aggiornamento dello statuto dei lavoratori – modifica delle norme oggi esistenti – assegno ai disoccupati e simili –verifica costi contributivi per le aziende ed armonizzazione delle aliquote contributive

Pensioni : aggiornamento alla reale situazione del Paese e dell’occupazione- senza rinvii –tenendo conto delle aspettative di vita – e con limite massimo di erogazione

Blocco degli stipendi di dipendenti e funzionari  pubblici –nazionali e locali- dirigenti e simili con limite del compenso annuo

Sistema sanitario completamento a carico delle Regioni con aliquota personale da loro determinata per sostenere la spesa relativa e per la quota da versare all’erario nazionale a sostegno delle regioni in difficoltà , aiuti da erogarsi in funzione di un piano di rientro a pareggio ed a costi corretti- erogazione di farmaci equivalenti di minor costo e parametrati con i costi di altri Paese europei

Sistemazione e realizzazione di quanto necessario  per tutto il territorio nazionale – per lo smaltimento dei rifiuti con il coinvolgimento degli Enti locali con il superamento di localismi inutili

Università : razionalizzazione e modernizzazione del sistema università – sostegno alla ricerca in ogni settore in collaborazione con aziende private con crediti di impista relativi

Scuola :Revisione ed accertamento situazione – minimo utenti per classi –investimenti relativi per l’insegnamento anche di lingue straniere-

Cultura : determinazione e progetti per la valorizzazione complessiva dei beni storici e paesaggistici – operazione finalizzata alla gestione ed al  mantenimento del patrimonio esistente e al turismo con recupero di personale in eccesso in altri settori

Sostegno alle iniziative culturali

Turismo : deve essere considerata  una attività di sviluppo economico sempre più importante ed in accordo con le categorie interessate per agevolare in tutti i sensi i turisti nazionali e stranieri

Valorizzazione delle aree tuttora non efficienti con operazioni di sostegno a operatori del settore ed esenzioni fiscali per investimenti duraturi

Promozione nel mondo dei vari settori produttivi nazionali (ICE)

Attenzione alle famiglie – alle nuove e vecchie povertà in collaborazione con le istituzioni esistenti  ed in particolare delegando interamente l’attività alle regioni-

attenzione agli immigrati richiedenti la cittadinanza

Per fronteggiare le spese di investimento necessarie a far ripartire la nazione coinvolgimento del sistema bancario nazionale ed europeo con finanziamenti da ammortizzare  in 40 anni con le quote risparmiate del costo della politica e delle spese inutili – col recupero fiscale  – con i ricavi delle opere realizzate e con l’incremento del PIL

Per la realizzazione di nuove opere nomina di un commissario per settore e affiancamento di un magistrato per la contestuale verifica della regolarità delle procedure che devono essere snelle –veloci e certe abbandonando tutte le norme esistenti che di fatto non hanno impedito comportamenti irregolari – azione basata su preventivi di massima completi  e con costi oggettivamente verificati con i prezzi di mercato

Le leggi devono ricomprendere nel loro testo quanto necessario e utile proveniente dal testo precedente ed il vecchio testo viene autonomamente abrogato – controllo immediato di regolarità costituzionale

circolari – istruzioni – regolamenti devono essere approntati contemporaneamente alla promulgazione della legge – sia per le leggi nazionale che per le leggi regionali

Eliminazione vera  di tutti  gli enti inutili – con nomina di un commissario con pieni poteri in deroga a qualsiasi norma esistente – recupero del loro patrimonio a riduzione del debito pubblico con tempi predeterminati

Europa : trasformazione dell’unione in Stati Uniti d’Europa con governo centrale e governatorati  nazionali

 FORZA UNIAMOCI – WE WANT cambiare

movimento di partecipazione popolare – forti e liberi

per commenti e adesioni:  info@mdpp.it

 

 

 

 

 

 

 

ABBIAMO VOTATO

LA SITUAZIONE OGGI E’ QUELLA CHE AVEVO PREVISTO CON UN SUCCESSO DELLA PROTESTA E CON MOLTE DIFFICOLTA’ PER IL PAESE

MA COME SE NIENTE FOSSE ACCADUTO E STANDO ALLE CRONACHE, SONO GIA’ PARTITI  I PRIMI TENTATIVI DA PRIMA REPUBBLICA : TI VOTO ALLA PRESIDENZA DI QUESTA O QUELLA CAMERA, TI FACCIO MINISTRO  E COSE SIMILI O FORSE ANCHE PEGGIO STANDO A QUANTO ABBIAMO ANCHE SENTITO CIRCA LO SCAMBIO DI VOTI  CONTRO  DENARO AVVENUTO, SEMBRA, IN UN PASSATO NON LONTANO ANCHE SE IL TUTTO VIENE SMENTITO

LA PROTESTA ED IL MALCONTENTO SI SONO  FATTI FINALMENTE SENTIRE PESANTEMENTE  E SINCERAMENTE  CREDO CHE QUESTO SIA L’INIZIO.

FINALMENTE MILIONI DI  ELETTORI HANNO CAPITO CHE DAI VECCHI PARTITI NON SI RIESCE AD OTTENERE UN CAMBIO DI PERSONE E DI MENTALITA’  E QUINDI DI PROGRAMMI SERI PER IL PAESE

INFATTI UN LEADER HA DETTO QUASI TESTUALMENTE “ CHE QUELLO CHE FA E’ L’UNICO MESTIERE CHE SA FARE” E PURTROPPO DIMENTICA CHE NEGLI ULTIMI VENTANNI PER 10 ANNI HA GOVERNATO ED HA CONCORSO CON DIRETTA RESPONSABILITA’ ALLO SFACIO CHE STIAMO CONSTATANDO, CHE NELL’ULTIMO ANNO HA SOSTENUTO UN GOVERNO “ TECNICO “  CHE HA PORTATTO IN APPROVAZIONI LEGGI DI CUI QUASI TUTTI SI LAMENTANO.

DA TUTTO CIO’ DOBBIAMO CONSTATARE CHE IL LAVORO FATTO NON SIA SUFFICIENTE E CHE DOBBIAMO PREPARARCI AD UN NUOVO CONFRONTO  CON UN PROGRAMMA SERIO E DOVRA’  ESSERE DIFFUSO E FATTO CAPIRE A QUEI MIGLIONI DI ELETTORI CHE NON HANNO VOTATO

FORSE NON HANNO VOTATO PERCHE’ DELUSI DALLA POLITICA IN GENERALE O FORSE PERCHE’ NON TUTTO CIO’ CHE LA PROTESTA VINCENTE HA DICHIARATO SIA CONVINCENTE.

CREDO AL CONTRARIO CHE UNA PROTESTA SERIA PER IL CAMBIAMENTO  E CON UN PROGRAMMA, PUR DA COMPLETARE, CON UN INDIRIZZO SERIO CHE TIENE CONTO DELLE ESIGENZE DEL PAESE E DELLE SUE COMPONENTI

FAR CAPIRE LORO CHE SI PUO’  CAMBIARE :     WE WANT

SI PERCHE’ COME SEMPRE IN TUTTE LE COSE,  CI POSSONO ESSERE DIVERSI MODI DI RISOLVERE I PROBLEMI E NON BASTA LA PROTESTA OCCORRE ANCHE LA PROGRAMMAZIONE DI UN PRESENTE E DI UN FUTURO CHE COME SPESSO DICO, DIA SPERANZA A TUTTO IL PAESE , CHE DIFFONDA LA VOLONTA’ DI RIPORTARE NELLA POLITICA E NELL’ECONOMIA L’ETICA E LA MORALE, CHE RIBADISCA I PRINCIPI DI SEMPRE, CHE SI IMPEGNI PER IL BENE COMUNE  E CHE DIMOSTRI SUL CAMPO QUESTA VOLONTA’ ABBANDONANDO E QUINDI MODIFICANDO TUTTO CIO’ CHE HA FATTO ARRABBIARE MILIONI DI CITTADINI : SPRECHI – ACQUISTI MILITARI ESORBITANTI – FUNZIONARI SUPER PAGATI – PROVVEDIMENTI DI PRELIEVI  SENZA AVVIARE UNA RIPRESA ECONOMICA – ANZI DANNEGGIANDO, TRA GLI ALTRI,  GLI IMPRENDITORI CHE SONO I PRIMI A ESSERE IN TRINCEA PER QUESTO OBIETTIVO.

NON SI VUOL CAPIRE CHE LA NAZIONE E’ UNA E CHE LE SUE COMPONENTI SONO COESE E  INTERDIPENDENTI E CHE QUINDI IL BENE COMUNE DEVE TENER CONTO DI OGNI ASPETTO DELLE COMPONENTI LA SOCIETA’ NAZIONALE  PERCHE’ SENZA DI CIO’ SI FINISCE PER FAVORIRE ALCUNE CLASSI A DANNO DELLE ALTRE.

NON E’ FORSE VERO CHE UNA MINORANZA DETIENE IL 70/80 PER CENTO DELLA RICCHEZZA NAZIONALE E CIO’ NON E’ GIUSTO DATO CHE ANCORA NELL’ULTIMO ANNO ABBIAMO VISTO LE CLASSI PIU’ DEBOLI PAGARE CON GROSSI SACRIFICI LA  RECESSIONE  CHE STIAMO VIVENDO , L’INSICUREZZA, LA PERDITA DI POSTI DI LAVORO, L’INCREMENTO DELLA IMPOSIZIONE FISCALE, LE DIFFICOLTA’ DELLE FAMIGLIE .

WE WANT  

SI PUO’ CAMBIARE : QUALCOSA SI E’ MOSSO MA NON BASTA OCCORRE DIVENTARE MAGGIORITARI E CHIUDERE VERAMENTE CON I METODI DFEL PASSATO .

OCCORRE MODERNIZZARE IL PAESE NELLA SUA STRUTTURA , NELLA SUA ORGANIZZAZIONE, OCCORRE MODIFICARE LA COSTITUZIONE ANCHE ALLA LUCE DI DIVENTARE COMPONENTI DELLA NAZIONE EUROPA .

PER FARE TUTTO QUESTO E FERMARE IL DECLINO OCCORRE ESSERE IN TANTI E UNITI

WE WANT CAMBIARE LE CASTE E RENDERE FINALMENTE QUESTO PAESE MODERNO E COESO, IN CUI TUTTI SI RICONOSCONO PARTECIPI DELLA SUA CRESCITA E DEL BENESSERE PRODOTTO.

 

MOVIMENTO DI PARTECIPAZIONE POPOLARE – FORTI E LIBERI

 

INFO@MDPP.IT