Riportare etica e morale nell’economia

Continuo a ripetere le stesse cose. Anche in questi giorni abbiamo l’esempio di come si continui a ragionare come nel 1800. Infatti i Sindacati di ogni colore e parte anziché rallegrarsi di poter salvare un azienda che è stata la Compagnia di bandiera del PAESE, sia pure con una riduzione di personale creano le condizioni affinché tutto il personale si ritrovi senza lavoro. Tanto PANTALONE pagherà con gli interventi ad hoc, come già fatto,e salvaguarderà questi collaboratori privilegiati. Dall’ultimo salvataggio voluto da un Governo precedente PANTALONE ha esborsato 8,5 mld., anche allora dovevano salvare la Compagnia di Bandiera e imprenditori italiani hanno rilevato il meglio lasciando i debiti alla vecchia compagine, cioè lo STATO. Oggi ci risiamo ancora una volta grazie ai nostri Amministratori e ai nostri Sindacati corriamo tutti il rischio di dover pagare il conto. Da sempre questa Compagnia è stata gestita male, ma si dovevano accontentare questi o quelli, si accettava qualsiasi richiesta tanto chi la concedeva non pagava di tasca propria. Certo gli esuberi sono un problema, ma la chiusura dell’attività non migliorerebbe la situazione-Ancora una volta non siamo capaci di riconoscere che tutti quanto abbiamo fatto troppi errori e che si deve riprendere la capacità di fare le cose possibili nell’interesse di tutti. La chiusura anche di questa attività non farà certo aumentare il PIL e quindi anche gli aiuti pubblici di sostegno non potranno essere quanto effettivamente servirebbe. Ma questi SINDACATI continuano una logica di ieri, per loro nulla è cambiato, per loro siamo sempre nell’ottocento con il padrone delle ferriere. Con questa logica i posti di lavoro resteranno UN SOGNO .Ripeto ancor un volta che non sono contro nessuno, sono solo contro gli incapaci che ci rendono la vita difficile. Anche i collaboratori dell’azienda non hanno votato al richiesto referendum e credo che ciò sia avvenuto perché si sono resi conto che senza accordi  con un nuovo Socio non ci sarà futuro per tutti .

ADESSO BASTA – WE WANT cambiare la CASTA e le CASTE –         

IO CAMBIO –mdpp- e TU ?

 dacci il tuo aiuto, la tua disponibilità e incominciamo a governare il PAESE da persone oneste e serie.

 

 

CURIOSITA’

Forse non ci siamo accorti che continuiamo a parlare di risparmio di spesa ed abbiamo mandato un aereo di STATO a prelevare la signora Mariam – sudanese – che è stata salvata dalla morte nel suo PAESE, condanna per aver sposato un cristiano, al fine di accompagnarla da PAPA FRANCESCO. Siamo stati, credo tutti, solidali per la ingiustizia di una condanna per una scelta individuale, ma che i Pensionati, i Cassaintegrati, i disoccupati e tutti gli altri Connazionali debbano pagare il costo dell’aereo di questo trasferimento di una Cittadina americana, mi sembra effettivamente eccessivo.

Poi ho avuto la sfortuna di sentire una dichiarazione del ministro per le riforme ed ha detto: “che la riforma del Senato è per risolvere i problemi degli Italiani, ma non ci importa delle opposizioni, noi portiamo avanti la nostra riforma”. Osservo : i problemi degli Italiani e lei chi è una STRANIERA ? “ .. portiamo avanti le nostre riforme” ma allora è vero le sue riforme e gli Italiani ?

 

 

 

BUFFONI D ANCORA BUFFONI

Renzi ha ben imparato dal suo mentore e forte di un consenso limitato minaccia addirittura le elezioni sapendo bene che molti parlamentari senza “ quel lavoro “ non avrebbero altre possibilità di vita e che con la attuale legislazione che non mi pare sia stata modificata veramente, avrà anche tanti benefici  per il proprio futuro e tutto alle spalle dei disoccupati, dei cassaintegrati, degli esodati, dei pensionati alla fame e di tanti piccoli imprenditori che sono costretti alla chiusura ed a volte, non reggendo alla pressione psicologica, al suicidio.

Non sono contrario in linea di principio a nessuno, viviamo in un tempo che ha dimenticato tutto e quindi sono aperto alla collaborazione con tutti coloro che sono veramente intenzionati a lavorare per il PAESE e non per se stessi, ma oggi faccio veramente fatica ad intravedere qualcuno con tale posizione.

Le cose da fare sono le stesse cose che il NUOVO del 94 diceva: riforme- giustizia – fisco – e tanto altro – ditemi voi, con la vostra intelligenza ed esperienza se oggi il PAESE ha bisogno della modifica del SENATO buffonata o se i problemi veri del PAESE sono : lavoro, disoccupazione, cassaintegrati, pensionati alla fame, e lascio da parte fisco -sanità, giustizia, carceri, scuola, ricerca ,università, spese militari, rappresentanza politica nel mondo. Cosa penso della Costituzione lo ho scritto tre anni fa quindi non mi si può dire che è una scelta di oggi –si  legga il mio programma politico economico che ho pubblicato ad ottobre 2011 poi perfezionato nel divenire.
Se lo leggerete vi  renderete  conto che molte delle cose che ho scritto, il Premier, le sta facendo male ecco perché insisto a richiedere la vostra fiducia per avere un partito serio – Il Movimento di partecipazione popolare – mdpp.- forti e liberi, oggi  IO CAMBIO composto da madri e padri di famiglia che sanno cosa vuol dire arrivare alla fine del mese. Forza unitevi e date il vostro contributo a cambiare il PAESE.
La costituzione non si riforma con una legge buffonata, la si riforma anche celermente con la ristrutturazione di tutto lo STATO adeguandolo ai tempi di oggi e del futuro, ad esempio :
-primo ministro e rappresentante della Nazione eletto dal POPOLO SOVRANO ( credo negli STATI UNITI d’EUROPA – USE)- cinque macroregioni – fusioni di comuni per avere territori con almeno 10.000 abitanti pur conservando le denominazioni originarie nell’ambito nel nuovo Comune, gestione a livello di macroregione di tutto –si pensi all’anagrafe, allo stato civile, all’elettorale , ai trasporti, alla eliminazione delle province, delle CCIAA provinciali dei loro beni in deduzione del debito pubblico,  etc. etc.
Si pensi per questi organismi dei controlli contabili  e gestionali seri e quindi ai risparmi relativi – imposizione fiscale a livello regionale e coordinamento nazionale per un periodo ( diciamo dieci anni)di aiuto alle macroregioni con più difficoltà. Eliminazione dei Prefetti, dei segretari comunali, e di tutte le strutture che risulterebbero inutili ed ancora fusione per settore con commissario e giudice a latere, di tutte le partecipate o aziende interamente possedute dal Pubblico – realizzazione di grandi aziende, conseguente loro valorizzazione per l’importanza del portafoglio clienti e dei servizi e loro vendita ai privati anche stranieri con riduzione del debito pubblico- affidamento in gestione delle proprietà immobiliari pubbliche ivi comprese quelle regalate ai Comuni da un certo leghista per far apparire, solo apparire, il federalismo e che sono quasi tutti inutilizzati , a società private nazionali o straniere, loro valorizzazione e cessione sempre per quel benedetto debito pubblico; eliminazione degli enti inutili, ci provò anche Craxi senza riuscirci e il loro patrimonio in riduzione sempre del debito pubblico.
Continuo nella speranza di non annoiarvi, uno dei miei pallini è la sistemazione idrogeologica del PAESE, non 4 mld ma 50/60 mld devono essere messi in movimento( è la stima dell’ordine dei geologi) ed anche qui con commissario e giudice a latere, ( possono sempre anch’essi  essere dei ladri ma si sappia che se avrai le mani sporche ci sarà un processo per direttissima per danni allo STATO  con pene severissime e galera senza alcun sconto di qualsiasi natura, risarcimento danni, fine di stipendi o compensi -TFR compreso – e se ci sono altre prebende non recuperabili – blocco del quinto dello stipendio )ed ancora sistemazione degli edifici scolastici modernizzandoli ed accertando la sicurezza degli stessi sotto ogni aspetto ( terremoto – energia elettrica – vetri – e quanto altro) ed ovviamente utilizzo delle nuove tecniche costruttive e di fornitura di energie-
Come trovare i fondi – basta regali a tutti ed a pioggia – eliminazione seria delle agevolazioni fiscali salvo quelle per la famiglia ed i redditi da pensione o da lavoro; blocco di ogni tipo di compenso pubblico oltre una certa misura, magistrati compresi. da qualche piccolo conto siamo nell’ordine già di qualche centinaio di miliardo. Mettere in movimento non vuol dire dover pagare subito tutto,  occorre del tempo per fare le cose in primo luogo e secondariamente si può tranquillamente fare un piano di ammortamento anche pluridecennale chiamando i Cittadini della varie zone a concorrere alla spesa promossa e coordinata con le macroregioni.- affidamenti bancari nazionali ed europei – tra l’altro questa è anche una battaglia da fare a Bruxelles -eliminazione di tutte le norme esistenti in materia di appalti – si farà come  da privati cittadini : capitolato serio ( il professionista che non farà il suo dovere in scienza e coscienza, sappia che smetterà di esercitare la professione  come penale ed avrà processo e risarcimento danni, come sopra), preventivi richiesti ad aziende con una storia, divieto si subappalti, eventuali reti di impresa
Essere seri amministratori non vuol dire incrementare il debito pubblico -hanno ragione i tedeschi anche se anche loro hanno fatto e stanno facendo i ” furbi ” con le loro regole di contabilizzazione dei dati pubblici,  vuol dire essere onesti e pensare, disporre, programmare-,prendere atto che siamo nel 2014 e cambiare le gestioni ottocentesche anche in  materia di lavoro, basta mantenere Sindacati di ogni tipo, le aziende le mandano avanti  le persone che avendo caratteristiche diverse si uniscono e collaborano per produrre beni e servizi . Si legga quanto ho scritto su LAVORO / RIFLESSIONI
Credo che questo ci porterebbe veramente a creare nuovi posti di lavoro ed a divenire competitivi anche per investitori stranieri tenendo conto delle nostre capacità in generale.
Ricordo a tutti ancora  i due obiettivi : riportare etica e morale nella politica e nella economia e la  moder-nizzazione del PAESE

FORZA IO CAMBIO e TU?

CONFERMA …………….

Già avevo detto delle preoccupazioni che solleva il nuovo PREMIER e di come fosse poco convincente se non per chi voglia salire sul carro del “ vincitore”  e sfruttare per se stesso il momento . Anche all’estero si sono accorti che in questo Governo qualcosa non funziona ed lo hanno giudicato affetto da “ inexperience, improvisation and moments of vacuity” ( The Economist ). Scusate se è poco e sarebbe troppo facile utilizzare la nostra capacità verbale per contestare questi giudizi. I fatti parlano da soli. La presunta crescita del + 0,8 % dl PIL sembra sia una bufala, oggi si parla del meno 0,1% a fine anno e ciò vuol dire aumento del debito pubblico. Ma le chiacchiere del PREMIER continuano, così come le apparizioni, così come si continua sulla strada di un SENATO inutile per i rapporti con le autonomie dimentichi della varie associazioni esistenti: dei Comuni, delle Province, la Conferenza delle autonomie STATO – REGIONI – CITTA’ METROPOLITANE . E’ il nostro sistema che si perpetua in forme apparentemente diverse ma  in sostanza non si cambia niente o si cambia poco per meglio imbrogliare. Cosa avrebbero dovuto fare gli “ inesperti “ arrivati al Governo? In primo luogo smettere di pensare come se ancora fossimo nell’ottocento e prendere atto che siamo nel 21mo secolo, capendo che occorre riportare etica e morale nella politica e nell’economia,  poi presentare una riforma dello STATO seria che ripensi tutta la struttura dello stesso alla luce dei traguardi della tecnica informatica, quindi la sua modernizzazione, e la necessità che le decisioni vengano prese in tempo reale senza avere 800/900 provvedimenti fermi, definizione precisa delle competenze delle nuove autonomie per evitare  infiniti problemi e costi relativi, conseguentemente siano adattati tutti gli strumenti della gestione, poi ridurre i costi della gestione pubblica liberando così risorse per gli investimenti e creare lavoro, investimenti che prevedano un piano di ammortamento perché non è accontentare i tedeschi avere un bilancio serio, senza di ciò siamo destinato al fallimento come insegnano le cancellerie fallimentari dei vari Tribunali. Occorre poi dare una sferzata al debito pubblico per liberare risorse e quindi la valorizzazione delle aziende partecipate da tutti gli ENTI raggruppandole per settore e poi creare le condizioni economiche per la loro privatizzazione, la gestione del patrimonio pubblico ad organizzazioni private nazionali od estere per ottenerne il massimo rendimento e creare anche qui le condizioni di cessione Abbiamo un patrimonio enorme ma milioni di Cittadini poveri con redditi insufficienti per una vita modesta , di fame come oggi. Anche l’iniziativa pubblicitaria degli 80 euro non ha dato la spinta ai consumi e come poteva? Da tempo avevo detto che potevamo governare meglio e soprattutto dire ai nostri Connazionali la verità, cioè la necessità che tutti diano il loro contributo a superare le difficoltà del momento certi che i tempi dello sviluppo che abbiamo vissuto non si ripeteranno e quindi la necessità di diventare finalmente una NAZIONE coesa e capace di fare le scelte necessarie abbandonando l’art. 1 della nostra effettiva Costituzione : 

L’Italia è una repubblica democratica fondata sulla “ furbizia “.

IO CAMBIO e TU ?

Quanto interesse per il nostro paese

Come sempre nel nostro PAESE bastano molte chiacchiere per dimenticare i veri problemi che riguardano tutti e soprattutto le povertà esistenti perché è scomodo parlare di ciò anche perché in realtà non si fa niente per rimediare a queste situazioni. Lotta per un Ministro europeo ma niente sul “ mare nostrum “ Cinquanta/sessantamila i migranti arrivati più 20/30 mila già presenti al costo di 40/46 euro al giorno danno un importo da 2,8 / 3,6 mln giorno ed a tale importo vanno aggiunti i coste delle navi, delle Prefetture, dalla Polizia, dei Comuni, delle associazioni umanitarie, al costo dei trasporti e tanto altro che danno una cifra spaventevole che viene caricata alla collettività che ha la “ fortuna” di essere periferia dell’Europa. Certo il debito pubblico può continuamente crescere tanto il Premier qualche storiella riesce ancora ad inventarla, TANTO DA FURBI cercheremo prima o poi di girarlo alla Comunità il nostro debito o copieremo le soluzioni di altri PAESI, ma preoccuparsi del lavoro, degli investimenti che producono lavoro, della sburocratizzazione del Paese, della riduzione dei costi della gestione pubblica, dell’eliminazione delle miriadi di leggi per garantire la correttezza e chiarezza degli appalti, dell’eliminazione di figure pubbliche superpagate ottocentesche, della riduzione del personale, della sanità, della vera riforma dello STATO che non può essere limitata alla riduzione di qualche centinaio di Senatori, di tutto questo nessuna parola. MA QUESTI SONO DIRIGENTI PUBBLICI ADATTI AD UN PAESE CHE HA BISOGNO DI MODERNIZZARSI E DI RIPORTARE ETICA E MORALE NELLA POLITICA E NELL’ECONOMIA ? O STIAMO RITORNANDO AL 1922 ?  IO CAMBIO E TU? FORZA UNISCITI A NOI ASSIEME VINCEREMO E CACCEREMO LA CASTA INCAPACE E SFRUTTATRICE CHE PROFUMATAMENTE PAGHIAMO – ADESSO BASTA -IO CAMBIO

 

REFERENDUM…..

Il nuovo Governo è talmente convinto di rappresentare il PAESE che dimentica che il 41% circa è rapportato a chi ha votato e non agli elettori complessivi e che il 47% di essi non ha votato. Chissà perché? Quindi i voti ottenuti alle europee rappresentano il 22% circa del totale. Inoltre il PREMIER dimentica che ha rottamato i suoi vecchi Dirigenti con circa il 4% dei voti complessivi e che così si è candidato alla Presidenza del Consiglio. Come ho già detto in altri scritti è un ottimo allievo in merito alla comunicazione ed è stato capace di crearsi una fama con i conseguenti  vantaggi.  Quello che disturba è che crede di aver il diritto di ignorare i Cittadini e di eliminare ogni loro possibile intervento nella gestione della amministrazione pubblica. Dovremmo insorgere per non far passare le nuove modalità di referendum : 800mila firme per la proposta di un referendum abrogativo. In un PAESE a noi vicino si fanno i referendum per posta, senza drammi ed il GOVERNO centrale si adegua emanando le norme per l’applicazione delle decisione referendaria. 

FORZA IO CAMBIO e TU?

 

NUOVO SENATO….

Come ho già detto spero che non occorrano 20 anni per accorgerci del bluf dell’attuale GOVERNO. La proposta di legge in discussione per il nuovo Senato è una delle tante prove che ci vengono date. Il Senato deve essere eliminato ed eliminati i Senatori a vita, ma ciò vorrebbe  dire qualche centinaio di posti in meno ed allora facciamo finta di eliminarlo e diciamo che saranno i Consigli regionali ad eleggere i nuovi Senatori in modo da garantire ad eventuali non  eletti od AMICI,   un posto a ROMA. Grande risparmio secondo il GOVERNO e grande innovazione . PENSATECI è una buffonata e si manterrà il sistema attuale dove sono giacenti 900 provvedimenti degli ultimi Governi non resi esecutivi. Come sempre si gioca con le parole a danno dei Cittadini che non devono intervenire ad eleggere loro rappresentanti . Deve essere lasciato ad altri la elezione dei loro rappresentanti e che non si lamentino, tant’è la Ministro ha ieri dichiarato che quanto andrà lunedì in aula e ciò che vogliono gli ITALIANI. E’ MALE INFORMATA E FORSE HANNO RAGIONE COLORO CHE DICONO CHE SONO SOSTANZIALMENTE DEGLI IMPREPARATI MA CON “ POSTO “. IO CAMBIO E TU?

BRAVI LETTORI

Quello che ho scritto tre anni fa viene regolarmente preso in considerazione dal nuovo Governo. Dovrei essere contento, ma non è così. Oggi Delrio presenterà il suo piano per 4,5 mld di lavori per la sistemazione della situazione idrogeologica del nostro PAESE. Dimentica il Governo che non oggi, ma anni fa l’ordine dei geologi aveva stimato in 50/60 mld l’investimento necessario. Quindi una “ buffonata “, soldi spesi per poco o niente visto poi gli “ onesti “ che conosciamo. Possibile che non abbiano letto che per  aiutare la ripresa effettivamente e non solo a parole, occorre investire ma non a debito pubblico, ma con un finanziamento con banche nazionali ed estere e non ultima la BCE con un piano di ammortamento di 20 anni che gli ENTI locali interessati debbano affrontare con quote proporzionali alla propria popolazione e liberare i 3,5 mld annui che oggi si spendono per rimborsare i danneggiati da eventi straordinari. FORSE IL BUON SENSO ED IL COMUNE AGIRE E’ COSA PER PRIVATI E NON PER POLITICI INCAPACI. IO CAMBIO E TU?