ultima parte del programma politico economico

INVESTIMENTI : Per fronteggiare le spese di investimento pubblico necessarie a far ripartire la nazione coinvolgimento del sistema bancario nazionale ed europeo con finanziamenti da ammortizzare  con le quote risparmiate del costo della politica e delle spese inutili – col recupero fiscale  – con i ricavi delle vendite patrimoniali effettuate e con le imposte derivanti dall’incremento del PIL-Garanzia pubblica al sistema bancario per finanziamenti alle aziende ed ai privati, progetti o iniziative  verificati ed approvati con responsabilità degli operatori concedenti.

GESTIONE OPERE PUBBLICHE : Nomina di un commissario per i singoli appalti  e affiancamento di un magistrato per la contestuale verifica della regolarità delle procedure che devono essere snelle –veloci e certe,  abbandonando tutte le norme esistenti che di fatto non hanno impedito comportamenti irregolari

LEGISLAZIONE : Le leggi devono ricomprendere nel loro testo quanto necessario e utile proveniente dal testo precedente ed il vecchio testo viene autonomamente abrogato- circolari – istruzioni – regolamenti devono essere approntati contemporaneamente alla promulgazione della legge – sia per le leggi nazionale che per le leggi regionali

ENTI INUTILI : Eliminazione vera  di tutti  gli enti inutili – con nomina di un commissario con pieni poteri in deroga a qualsiasi norma esistente – recupero del loro patrimonio a riduzione del debito pubblico- affiancato da un magistrato per la verifica e garanzia della regolarità procedurale in funzione del mandato ricevuto in tempi certi e possibilmente predeterminati

EUROPA : trasformazione dell’unione in confederazione o altro  con governo centrale e governatorati  nazionali – rappresentanza nel mondo della Confederazione Europa ed eliminazione dei costi per la rappresentanza nazionale – superando il concetto delle ambasciate nell’era della velocità e dell’informatica.