TANTE BUGIE ……

Come sempre quando si tratta di approntare la finanziaria o bilancio che dir si voglia, il Premier ci illude dichiarando che diminuirà le imposte. Se così fosse non si capisce l’aumento del debito pubblico e forse il Premier non ha ancora capito o meglio non vuol fare ciò che andrebbe fatto e cioè riportare a spesa corretta la gestione dello STATO. Il blocco degli stipendi del settore pubblico non è una “ cattiveria “ , ma una necessità in carenza di risorse disponibili e quindi trattare nuovi aumenti è semplicemente un atto delinquenziale e contrario all’ art. 54 della Costituzione che prevede come le funzioni pubbliche devono essere esercitate con disciplina ed onore oltre all’obbligo del pareggio di bilancio introdotto con la legge n. 1 del 20.4.2012  che ha modificato l’art. 81 della costituzione anche perché gli stipendi di cui abbiamo sentito parlare non sono certo da fame. Inoltre tante altre cose dovrebbero essere sistemate per procedere effettivamente e ridurre le imposte, come ad esempio le pensioni d’oro, le pensioni godute senza versamento di contributi, l’introduzione di un limite all’importo erogabile di pensione ed ancora ad effettiva revisione della gestione dello STATO  alla luce dei tempi nuovi con l’eliminazione di posizioni apicali decentrate che oggi non hanno più senso. Basta con lo STATO ottocentesco ecco perché andrà bocciata la riforma costituzionale proposta dato che è un niente rispetto a ciò che andrebbe fatto e serve solo per poter dire che per primi hanno effettuato le modifiche richieste da tempo e mai attuate. Purtroppo le mancate modifiche sono frutto del venir meno del senso dello STATO da parte dei nostri rappresentanti politici di professione che pensano solo ed esclusivamente a se stessi ed ai loro privilegi.

BASTA CON I NONNI CHE GESTISCONO IL TEMPO DEI NIPOTI – BASTA CON POLITICI DI PROFESSIONE –  UNIAMOCI PER CAMBIARE IL PAESE E PER RINASCERE 

CASTA INCAPACE

Un bellissimo articolo di Domenico Cacopardo del 14 luglio scorso su Italia Oggi ha dimostrato ancora una volta le colpe delle Amministrazioni locali : Comuni- Province – Regioni per i ritardi della Sicilia. Cacopardo è un siciliano ed ha parlato ai Siciliani. Di quanti Cacopardo avremmo bisogno nel PAESE per far capire che è ora di cambiare veramente  e sostituire una CASTA di incapaci che ha solo prodotto danni.

ULTIME NOTIZIE…….

Ho appreso che probabilmente la prossima manovra avrà come compito il recupero di 20 / 25 mld e che verrà richiesta nuova flessibilità per altri 10 mld all’Europa.  

Questo è ciò che il governo del ROTTAMATORE sta facendo in pratica l’aumento del debito pubblico come del resto abbiamo già constatato. Forse risparmiare per esempio l’inutile raccolta di firme per il referendum fatto dalla sinistra per poter godere di 500 mila euro di rimborsi era una cosa impensabile. Forse tagliare pensioni d’oro e pensioni date senza il versamento di contributi o con contributi insufficienti, forse tagliare vitalizi e stipendi in presenza di crisi è una cosa impensabile anche per il ROTTAMATORE. Forza uniamoci per CACCIARE LA CASTA E RINASCERE – forza votiamo N O al referendum e poi chiediamo elezioni per mandare in Parlamento GENTE NORMALE –

BASTA POLITICI PROFESSIONISTI – COSA SANNO FARE LO STIAMO CONSTATANDO –

 

DICHIARAZIONI

Quando sono all’Estero i nostri politici parlano sempre del nostro Paese e quasi mai in termini entusiastici, ma sottolineando le tante cose che, purtroppo, a causa loro non funzionano.Questa è la CASTA dirigente che abbiamo e che dobbiamo cacciare per rimediare ai tanti guai che ci hanno provocato.  Oggi il telegiornale ci ha riferito della dichiarazione del Premier circa i migranti :

…. Noi pensiamo che chi rischia in mare deve essere salvato e non come altri che si girano dall’altra parte…

Come sempre dà la dimostrazione di non essere un grande dirigente in quanto ancora oggi non ha capito che il problema vero è non farli partire e rischiare in mare,  ma aiutare i loro governi a creare le condizioni per una vita decente ricordandoci che anche noi abbiamo avuto un piano Marshall nel dopo guerra.

Questo è il Dirigente del nostro PAESE che utilizza le nostre risorse a danno dei suoi Connazionali alla fame, dei disoccupati, delle imprese, dei lavoratori di ogni tipo.

RICORDIAMOCI  DI VOTARE N O

al referendum e poi richiedere elezioni per eleggere gente normale e non politici di professione dato che con loro non possiamo che peggiorare in tutti i settori. Viviamo i danni da loro provocati

WE WANT CACCIARE LA CASTA – UNIAMOCI PER FARLO

 

A TUTTI GLI AMICI PENSIONATI

Oggi più che mai il nostro PAESE ha bisogno della nostra presenza. In tempi passati abbiamo dato  il nostro contributo lavorando seriamente, pagando le imposte e tasse e poi arrivato il momento della pensione ci siamo astratti dalla realtà quotidiana pensando che i nostri sacrifici fossero finiti e che le nuove generazioni continuassero i nostri indirizzi. Nonostante ancora oggi si dia il nostro contributo in imposte e tasse, siamo completamente ignorati e siamo considerati merce da illudere e tosare secondo le necessità del Governo vigente. Credo che dobbiamo dire BASTA a questo modo di condurre il PAESE memori come siamo di come abbiamo concorso all’industrializzazione del PAESE, all’OSCAR della lira, al MIRACOLO ITALIANO, in poche parole a far grande il PAESE di cui ci sentivamo e ci sentiamo parte viva. Occorre riportare etica e morale che si è persa in questi tempi, abbandonare l’arte della “ furbizia “ e ritornare ad essere seri e concreti, innamorati del nostro PAESE che vogliamo far tornare GRANDE .

Per fare ciò dobbiamo unirci e dobbiamo ricordarci che rappresentiamo circa il 50% per cento dei Cittadini votanti e che quindi NOI possiamo essere di nuovo la GUIDA del nostro PAESE mettendo a disposizione la nostra esperienza, le nostre capacità, la nostra onestà e possiamo far capire ai nostri figli e nipoti che il PAESE ha bisogno di gente seria, onesta, capace di affrontare i problemi e di dare le soluzioni nell’interesse di tutti i Cittadini vecchi e nuovi e dobbiamo ricordare loro che i poveri nel nostro PAESE sono raddoppiati e che al contrario spendiamo miliardi a favore di terzi o di cause inutili solo per poter dire   “ ci siamo anche noi “.

FORZA ESPRIMIAMO IL NOSTRO MALESSERE ED UNIAMOCI PER CACCIARE QUESTA CASTA INCAPACE E NON RAPPRESENTANTE VERAMENTE IL PAESE . RIMETTIAMO IL PAESE SULLE LINEE DI UN TEMPO E POI LASCEREMO AI NOSTRI EREDI LA GESTIONE DEL PAESE  COME E’ GIUSTO SIA.