I POLITICI NEI LUOGHI TERREMOTATI

qualcuno di questi signori che si reca nei luoghi terremotati ha dichiarato che ciò che fanno è un dovere per non lasciarli soli ed è ciò che le popolazioni desiderano. Spesso sono accompagnati dai Dirigenti che in luogo lavorano e guarda caso spesso siedono alle mense organizzate per i terremotati, mi domando pagheranno il conto di quanto consumano o il tutto sarà loro offerto con le raccolte fondi fatte???? Curcio ha accompagnato a “ mensa “ la Presidente della Camera avrà questa signora pagato il conto? Forse è per questo che il Presidente della Protezione Civile non comunica i dati della raccolta fondi e di come questi vengono spesi ????- Facciamo sentire la nostra voce e voi gionalisti della carta stampata, delle televisioni unitevi a questa campagna affinchè anche nel nostro PAESE torni etica e morale

LEGGE ELETTORALE

sono iniziate le discussioni per la nuova legge elettorale e tutti chiedono una legge che teoricamente li favorisca dimostrando ancora una volta come i Parlamentari non sono la vera espressione della volontà popolare, ma una assemblea consociativa di CASTE privileggiate che pensano solo ed esclusivamente ai loro interessi di bottega..Ecco perchè è necessario sostituire questa CASTA che costa ai Cittadini milioni e che non si adopera per il BENE COMUNE con programmazioni studiate in tutti i settori. La legge elettorale dovrebbe essere lo strumento che permetta ai Cittadini di eleggere i propri rappresentanti e che preveda alla fine della giornata di votazioni chi deve governare e chi sono i Cittadini che hanno ottenuto il consenso degli Elettori e che dovranno rappresentarli. Dovebbe prevedere anche il vincolo di mandato e temporale. Basta con i NONNI  che gestiscono il tempo dei nipoti. BASTA con i POLITICI di professione abbiamo capito cosa sanno fare purtroppo a nostre spese lasciandoci in braghe di tela.
Diamoci una mossa e nell’unico giorno di vero potere utilizziamolo per cacciare tutti costoro e mandare in Parlamento gente normale che non abbia come obiettivo di diventare professionisti della politica – Forza uniamoci in un Movimento di Partecipazion Popolare che creda nella possibilità di far R I N A S C E R E in nostro PAESE

ABBIAMO IL NUOVO GOVERNO

Abbiamo il NUOVO GOVERNO  che è la fotocopia del vecchio con qualche sfumatura che serve per accontentare gli amici e dar loro un premio affinché possano in futuro dire “ sono stato ministro “ ed avere sempre riconoscenza nei confronti del “ donatore “ che prima o poi tornerà a galla vista la sua grande capacità istrionica, ed essendo rimasto segretario del PD e quindi con crediti da vantare.  Non dimentichiamoci che i voti raccolti dal PD alle ultime elezioni  (2013) sono stati pari al 25% circa dei votanti. Quindi una minoranza e non certo una maggioranza . Ciò nonostante ci hanno governati con i risultati che il POPOLO ha bocciato lo scorso 4 dicembre

Le comunicazioni fatte da Gentiloni  non hanno grandi pretese, son cose che devono essere dette anche perché il PAESE ha dato un giudizio sul precedente  Governo e non può certo approvare o sperare nella fotocopia, giudizio tra l’altro richiesto dall’ex Premier, salvo poi smentirlo quando si era reso conto che lo avrebbe danneggiato.

La vergogna è che il PAESE, grazie ai suoi amministratori, non ha la possibilità di andare a votare perché mancante di una legge elettorale e ciò dimostra ulteriormente cosa hanno fatto i “ politici di professione “  e oggi, dobbiamo ancora una volta dipendere da loro, per poter decidere NOI chi eleggere  e  con quale programma.

Credo che mai come oggi la partecipazione degli Elettori sia indispensabile per cercare di cambiare veramente il PAESE . Infatti chi abbiamo mantenuto per anni regalando loro una vita facile ci hanno               “ bidonato “ in tutti i modi : debito pubblico, disoccupazione,  imprese fallite per i mancati pagamenti dello Stato, azioni e nomine per mantenere il potere, impunità per coloro che hanno danneggiato Risparmiatori, regali a nostre spese per tentare di acquisire voti e tanti altri danni che tutti conosciamo

Forza uniamoci per cambiare. Senza il cambiamento per amore vero del cambiamento non andremo lontani ed i fallimento è alle porte . BASTA CON QUESTA CASTA – UNIAMOCI PER ANDARE IN PARLAMENTO E CREARE UN GOVERNO CHE GESTISCA PER LA GENTE E PER LA NAZIONE –

Come sempre ci lamentiamo di quanto accade dimentichi sempre che la situazione attuale è frutto di nostre scelte sbagliate. Il primo errore è quello di rieleggere sempre le stesse persone che così pensano di essere dei ” super ” e di poter continuare all’infinito, il secondo errore è quello di non aver richiesto il ” conto ” a costoro e ciò li ha rafforzati nel convincimento che possono fare ciò che vogliono. Ecco perché ancora una volta rivolgo l’invito a tener presente che i Politici sono come i ” pannolini ” e che vanno cambiati spesso per la stessa ragione.

Su questa pagina da anni ripeto che dobbiamo cacciare la CASTA e mandare in Parlamento GENTE NUOVA che là non sia mai stata così come devono essere nuovi i movimenti che rappresentano . Gente nuova che non debba preoccuparsi di mantenere la ” poltrona ”  e che liberamente possano esprimere i loro convincimenti e che possano così veramente preoccuparsi con buon senso delle problemtiche Nazionali ed Internazionali.

Sempre su questa pagina ho anche proposto un programma politico – economico che potrà sicuramente essere migliorato, ma che può rappresentare un buon punto di partenza, almeno così mi pare.

Credo che chi è veramente scontento della attuale situazione e creda che le possono possono cambiare con il voto in cabina elettorale deve unirsi e essere promotore di questo cambiamento dando il proprio contributo e rendersi disponibile

se lo pensi e lo ritieni opportuno dà il tuo ” mi piace ” a quanto scritto  e renditi disponibile

FINALMENTE ………

Finalmente abbiamo votato e abbiamo tutti preso atto principalmente di due cose : la prima che non è vero che i Cittadini Elettori sono disattenti ai problemi del Paese tant’è che una forte percentuale si è recata alle urne e la seconda è che le “ chiacchiere “  che sono state fatte da mesi e le bugie,  sono state inascoltate. Gli Elettori hanno votato manifestando la loro protesta  per le colpevoli inadempienze, gli sprechi che ancora una volta il Premier ha realizzato, i tentativi di trattarci tutti come dei “ bambini “ ai quali dare di volta in volta una “ caramella “ per farci star buoni ed approvare tutto senza discutere .

Certo pur avendo fatto da mesi , certamente con altri, una “ campagna “ per il N O anche senza televisione e giornali  e  avendo avuto, noi del NO un  risultato quasi miracoloso viste le forze messe in campo dal Premier ,  sono fortemente preoccupato  della situazione perché la CASTA è e rimane sempre quella,  cioè composta da coloro che hanno sostenuto il  Premier uscente pur di non perdere il posto ( leggi poltrona e benefici) e ciò indipendentemente dalla  “ casacca “ indossata alle elezioni.

Da costoro sarà difficile ottenere soluzioni  corrette e in linea con il voto espresso dai Cittadini. Infatti tutti ricorderete che più volte abbiamo richiamato alla nostra memoria il nostro voto referendario circa il finanziamento ai partiti che la CASTA ha volutamente ignorato e non solo, ma anche recentemente, nonostante il ventilato risparmio proposto con la riforma costituzionale, ha reinviato in Commissione la legge sulla riduzione dei compensi dei Parlamentari forse per evitare di risparmiare? Basta dirlo che si vuole risparmiare, ma non farlo.

Preoccupato perché costoro non cambieranno niente e continueranno a far melina per arrivare alla fine della legislatura e acquisire il diritto del vitalizio e quanto altro. A loro non servono  40 e più anni di lavoro per avere pensioni e vitalizi.

Il voto espresso dovrebbe essere anche percepito dal Presidente Mattarella come una protesta e sfiducia vera contro la CASTA  e  ciò indipendentemente dalle CASACCHE  e quindi sciogliere le CAMERE e richiedere la elezione di nuovi Parlamentari e quindi chiedere ai Cittadini Elettori di manifestare la loro scelta in merito ai propri rappresentanti . Questo è ciò che da sempre ho chiesto con le mie osservazioni e proposte. Voto referendario e poi ELEZIONI. Basta POLITICI DI PROFESSIONE che hanno a cuore i problemi del PAESE solo con le “ chiacchiere “.  Basta con una CASTA incapace e chiacchierona, basta dimenticare i problemi veri del PAESE .   E L E Z I O N I   E   MANDARE IN PARLAMENTO GENTE COMUNE NUOVA  cioe’ COMPONENTI DI MOVIMENTI CHE LA’ NON SIANO MAI STATI – SOLO COSI’ AVREMO LA SPERANZA DI RIDARE AL PAESE SERIETA’ E CREDIBILITA’

SEMPRE CHIACCHIERE

L’ ex Rottamatore dice che il Leader del fronte del NO debba cominciare a proporre la nuova legge elettorale e come spesso ha fatto non ha capito che  non tutti coloro che hanno votato  NO sono elettori di questo o quel partito così schierato. La maggior parte di questi Elettori è composta da Cittadini normali che hanno semplicemente capito che la proposta fatta non migliorava assolutamente niente e nemmeno riduceva le spese considerando che tutto ciò che il Premier diceva a questo proposito,  le tante BUGIE dette e ripetute circa la rottamazione di tante cose da realizzare in pochi mesi e quindi non ha creduto al Premier e non solo, ma come lui aveva chiesto a suo tempo, ha dichiarato la propria contrarietà ad un Premier bugiardo e chiacchierone che non ha saputo affrontare se non a parole, le mille difficoltà del nostro PAESE. Proprio oggi l’ ISTAT ci ha fatto conoscere che circa il 28 % della popolazione è al livello della povertà. Con questo voto il POPOLO ha chiaramente espresso il proprio disgusto per la CLASSE politica in quanto non dimentico di quanti hanno votato la proposta di legge costituzionale presentata e che poi  ha cambiato opinione, quindi ha valutatogli attuali suoi rappresentanti come inadatti a gestire il PAESE Il POPOLO vuole GENTE NUOVA che sappia affrontare i veri problemi del PAESE, la crisi economica, gli immigrati, le imposte e tasse, un piano industriale, il debito pubblico e sappia,  pur con tutte le difficoltà del caso, far ripartire il PAESE e riportare etica e morale nel quotidiano e riformare la Costituzione aggiornandola veramente e seriamente al periodo storico che stiamo vivendo.