a Famiglia Cristiana

FAMIGLIA CRISTIANA ha pubblicato un pesante articolo nei confronti dell’on. Salvini – ministro dell’interno – per la sua posizione circa l’immigrazione indiscriminata e che vede criminali azioni compiute da molti che agiscono per trasferire illegalmente migliaia di persone in Europa guadagnandoci. Probabilmente questo settimanale auspica la riduzione allo stato laicale dei Monsignori africani e italiani,dei sacerdoti di ogni ordine e grado che non concordano con quanto scritto.  Il Settimanale dovrebbe anche valutare come a Ventimiglia minorenni vengano sfruttate ed utilizzate per la prostituzione come dettoci dagli organi di informazione, data la chiusura della frontiera francese per questa Gente ed avere presente:

-le migliaia di minori che sono spariti senza lasciare traccia,

-le decine di migliaia di immigrati tenuti in campi senza speranza di futuro,

-la con sottrazione di ricchezza (a debito) con danno di connazionali alla fame.

Dovrebbe anche ricordare che dietro a questi viaggi ci sono organizzazione che prestano denaro vincolando le famiglie di origine, i maltrattamenti, gli stupri, i tanti sacrifici anche fisici che vengono sopportati lungo il tragitto oltre ai molti morti di cui non si parla mai e che vengono massacrati ed uccisi lungo il percorso.

Forse non sarebbe meglio ricordare le parole ed aiutare i Monsignori africani che invitano i loro giovani a    “restare in Africa ed a creare lì ricchezza” e che ribadiscono    “ non abbiamo il diritto di lasciare che esistano canali di emigrazione illegale quando sappiamo benissimo come funzionano, tutto questo deve finire”

ed ancora

“meglio restare poveri nel proprio Paese, piuttosto che finire torturati nel tentare l’avventura dell’emigrazione”.

Credo che sia più evangelico impegnarsi affinché nei Paesi di partenza si creino le condizioni di una vita migliore con prospettive così come del resto è stato fatto post seconda guerra mondiale per i Paesi europei alla fame. Come più volte detto, trattandosi di un problema mondiale, dovrebbe l’ O N U  predisporre piani di assistenza per questi PAESI con il concorso economico di tutti gli aderenti all’organizzazione. Basta parole al vento, basta prese di posizione teoriche ed inutili ad aiutare chi ha bisogno, basta sbandieramenti di “buonismo“ inutile. Ha ragione il Ministro. Blocco delle partenze e immigrazione solo se autorizzata.

Non solo ma come ben scritto dal vescovo di Chioggia non basta la prima carità, ma occorre che poi si possa assicurare all’immigrato una vita dignitosa. Analogamente il vescovo emerito di Patti che aggiunge “non possiamo regalare la cittadinanza che invece si guadagna e si merita sposando per davvero i principi, le regole e le leggi del Paese che ospita” in altre parole occorre che chi viene da noi voglia essere integrato ed integrarsi vuol dire accettare storia, cultura, principi, leggi, costumi, abitudini cioè diventando nuovi veri Cittadini abbandonando tutto ciò che cozza con le regole del nuovo stato. Anche il vescovo di Verona tra l’altro osserva “che se fossero dati 35 euro al giorno ai tanti italiani senza lavoro forse qualcosa si potrebbe risolvere”. Posso citare anche il vescovo emerito di Ferrara che dice che da cattolico è per l’accoglienza delle diversità, ma essa non può essere senza misure perché altrimenti porterebbe alla eliminazione della nostra società. Caro DIRETTORE di FAMIGLIA CRISTIANA forse è il caso di rettificare il proprio convincimento e ricordare ciò che al ritorno da Ginevra ha detto anche Papa Francesco su questo argomento e cioè che i Paesi devono agire con prudenza.Forse sbaglia anche il Papa?????

 

Sarebbe ora che….

Sarebbe ora che le motivazioni delle sentenze siano depositate congiuntamente alla lettura della sentenza e non dopo mesi. L’esame dei fatti, l’inquadramento del reato, la fattispecie civile e penale considerata avvengono nel corso del processo e da ciò la determinazione delle norme di legge da applicare. Allora non si capisce come mai le motivazioni debbano essere depositate nei mesi successivi. Ministro della Giustizia non sarebbe ora di provvedere????.Non sei parte del Governo che vuole cambiare?????

 

election day

La democrazia obbliga gli elettori alla scelta dei propri dirigenti pubblici e quindi periodicamente si svolgono elezioni ai vari livelli. L’impegno economico è rilevante ed occorre quindi, far presente la necessità ed opportunità da parte dei Cittadini elettori di concorrere allo svolgimento del sistema elettorale.

Quindi si dovrebbe rendere gratuita la partecipazione dei componenti alla commissione elettorale nelle varie sezioni. I Cittadini così facendo dimostrerebbero la loro appartenenza al Paese e spesso dimentichiamo di esserlo quando facciamo in molti settori i furbi.

Oltre a ciò mi sembra opportuno anche stabilire l’election day. In quel giorno si vota per tutto garantendo così anche scelte uniformi ad ogni livello della pubblica amministrazione

GOVERNO NUOVO

Si parla di Governo nuovo. Essere nuovi vuol dire fare cose diverse da come venivano fatte nel passato. Basta con attenzione a lobby di varia natura e garantire loro soldi derivanti da imposte. Mi riferisco alle tante opportunità previste nella compilazione della dichiarazione dei redditi di poter disporre di parte del proprio versamento fiscale a favore di questo o quello. Le imposte pagate devono essere versate ed utilizzate per intero dallo Stato. Come disposto oggi si sottraggono a Cittadini dissenzienti importi di imposte e ciò non mi sembra corretto. In altri Paesi della Comunità europea si possono versare a favore di lobby selezionate, importi che vengono aggiunti all’importo da versare per imposte allo Stato. Questa è la strada corretta. Ci saranno modifiche??? Speriamolo. O si avrà paura di perdere voti???? I problemi vanno risolti non  “aggiustati” in qualche modo. Così facendo i problemi si aggravano a danno dell’intera collettività

N A T O

I Paesi europei devono sicuramente essere grati agli Americani per quanto hanno fatto con la loro  partecipazione alle guerre mondiali del secolo passato, che ha garantito libertà e progresso. Che gli Americani debbano restare amici ed alleati dell’Europa è sicuramente una certezza, ma che l’Europa debba finalmente creare un proprio esercito e cessare di partecipare alla NATO mi sembra altrettanto dovuto. Gli STATI UNITI d’EUROPA devono avere un proprio esercito e devono avere una propria politica per i rapporti internazionali ed economica, politiche che curino gli interessi delle proprie comunità, liberi da ogni condizionamento frutto di anni ormai superati e forse di un nuovo desiderio di imperio. Questo è ciò che gli Amministratori europei dovrebbero fare. Siamo sicuri che abbiamo il meglio a governare l’Europa??

Il Segretario del PD

E’ stupefacente che oggi il segretario del PD parli del Governo in carica criticando aspramente le decisioni in itinere. E’ stupefacente perché i problemi oggi esistenti c’erano anche ieri quando Governi di centro destra o di centro sinistra hanno governato promettendo al Paese di tutto e di più. Mai una volta che abbiano effettivamente impostata a soluzione un problema. Solo alcuni esempi: il terremoto recente con macerie ancora da rimuovere, il sistema idrogeologico del Paese trascurato e non impostate soluzioni serie e definitive, le condotte di acqua che perdono il quaranta per cento di quanto trasportato, l’attenzione a 2,7 mln di Cittadini alla fame giornalmente, 4 mln di Cittadini poveri, 10 mln che pur lavorando sono alla soglia della povertà, più disoccupati, cassa integrati, aziende chiuse per i troppi oneri. Nel passato questi Governi ci hanno giornalmente detto che tutto andava bene ed oggi, i loro rappresentanti, si lamentano di un Governo che non ha ancora cominciato veramente ad incidere i mali del Paese. Speriamo lo faccia e se del caso chiedendo anche qualche sacrificio ai Cittadini. Però basta spese per immigrati economici. Sono miliardi sottratti a Connazionali, basta finta solidarietà altrimenti mettiamoci tutti in condizioni di suicidio e chiamiamo le Ong per la nostra salvezza al fine di essere mantenuti per il futuro così come accade per migranti che da anni sono in tale condizione. Al debito pubblico penseranno i nostri nipoti o bis nipoti. Questo è quello che hanno fatto i Governi che da trent’anni ci governano. Speriamo nei Nuovi.

la Tunisia

La Tunisia che sembra essere un Paese che ha in corso un processo di democratizzazione vero, ha sbarrato le porte ad una scacchista israeliana di 7 anni che avrebbe dovuto partecipare ad un torneo di scacchi internazionale nella capitale. Poi la federazione internazionale di judo (Jif) ha sospeso il Gran prix di judo a Tunisi per il rifiuto di questo Paese ad accettare atleti israeliani così come Abu Dhabi ha rifiutato l’accesso sempre ad atleti israeliani al Gran Slam di judo in programma questa estate nell’emirato. Dove sono i nostri “ magnifici “ sempre attendi alla solidarietà, alla integrazione e via dicendo????

Taglio dei vitalizi ….

Spero che i soloni che collaborano con le Istituzioni provvedano a verificare ed a produrre una legge che sia inattaccabile dalla CASTA che verrà fermata nel furto predisposto di avere pensioni senza versamenti di contributi o con rivalutazioni e conteggi abnormi.  Sia chiaro che quanto verrà fatto è solo GIUSTIZIA nei confronti dei CONTRIBUENTI. Attenzione perché costoro cercheranno in ogni modo di salvare le loro immeritate pensioni. Non solo ma avranno anche l’aiuto di coloro che oggi non sono colpiti, ma che potrebbero esserlo per analogie pensionistiche.

sono contento……

Sono contento di aver appreso che Papa Bergoglio al rientro da Ginevra dal Consiglio ecumenico delle Chiese abbia finalmente serenamente dichiarato: “ogni Governo deve agire con la virtù della prudenza, perché un Pese deve accogliere tanti rifugiati quanti ne può integrare, educare, dare lavoro”. Finalmente il buon senso. Campi profughi simili a lager, cooperative ladre, sfruttamenti di ogni genere non sono accoglienza- Basta poi sentire tuttologhi in televisione che pontificano. Si sta facendo strada ciò che da tempo scrivo. Basta gommoni bucati a poche miglia dalla partenza. Basta accordi con le ONG. Basta partenze e non riscrivo ciò che il comune buon senso ed un vero senso di solidarietà suggerisce.