Finalmente….

Con la decisione del Capo dello Stato il Presidente incaricato si presenterà alle Camere per ottenere la fiducia che probabilmente non avrà, ma dovrà comunque governare il Paese ed adempiere agli atti istituzionali per la gestione della finanza pubblica oltre ad adempiere ai nostri obblighi internazionali.

Che in Europa molte cose non funzionino bene è un fatto, ci sono molti sprechi si pensi ad esempio alle due sedi, ma che gli accordi vadano rispettati è altrettanto dovuto e ciò non impedisce di chiedere la revisione di accordi anche alla luce dei fatti economici verificatisi.

Un’altra osservazione va fatta ed è quella relativa al debito pubblico che in diciotto anni è aumentato di mille miliardi circa. Le aziende, le famiglie non possono vivere all’infinito con un debito crescente e che STATISTI avrebbero dovuto con coraggio presentare al Paese un piano di rientro serio e fattibile. Non è colpa dei creditori se chiedono di essere garantiti per la loro fiducia, è colpa del DEBITORE che incrementando il proprio debito dice che è in stato di crisi, che le spese non vengono ridotte e che il debito difficilmente così facendo sarà ridotto o eliminato.

Questa situazione deve essere affrontata, ma la CASTA non lo ha mai fatto perché composta da politici di bassa statura etica e politica, solamente preoccupati delle elezioni successive e non del VERO BENESSERE del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *